Articoli

Al MuStruMu i Racconti al Tramonto di SpazioTeatro

racconti-al-tramnontoDal 1 luglio una nuova iniziativa targata SpazioTeatro e rivolta alle famiglie e ai giovani spettatori dai 6 anni in su. Grazie alla collaborazione con il Museo dello Strumento Musicale che mette a disposizione i suoi spazi all’aperto, nasce RACCONTI AL TRAMONTO, una rassegna di Teatro Ragazzi che per tutto il mese di luglio ogni venerdì proporrà un evento diverso.
Tra spettacoli vecchi e nuovi, rielaborazioni e performance, aspetteremo insieme il tramonto per dare inizio al racconto, nei suggestivi spazi dell’ex Stazione Lido gestiti dal MuStruMu.

Si parte venerdì 1 luglio con “Amore love Psiche”, il mito raccontato ai giovani spettatori, scritto e interpretato da Anna Calarco.
A seguire, venerdì 8 luglio, un classico di SpazioTeatro: “La vera storia del pifferaio di Hamelin”, con Gaetano Tramontana; il 15 luglio è la volta di “Mastino e Biancaluna”, dal racconto di Guido Quarzo, con Gaetano Tramontana e Mimmo Fiore; si passerà dalle fiabe popolari calabresi il 22 luglio con “Il vento magico” per approdare il 29 al suggestivo “Parole e sassi”, la storia di Antigone raccontata ai bambini, interpretato da Renata Falcone.

“E’ una nuova avventura che affrontiamo con grande passione – dice Gaetano Tramontana, direttore artistico di SpazioTeatro – spinti dall’entusiasmo dei giovani spettatori che con i loro familiari ci seguono da anni e di tante altre famiglie che ci chiedono una forma di aggregazione diversa e originale per i loro ragazzi. E’ anche con un pizzico di orgoglio che, grazie all’ospitalità del MuStruMu, possiamo vantare al momento di essere l’unica proposta teatrale organica in città dedicata ai bambini quest’estate. Come sempre mettiamo in gioco le nostre risorse e la nostra fantasia, proponendo spettacoli adattati alla performance all’aperto. Provando a ricreare l’atmosfera magica propria del teatro, attenderemo insieme che il sole inizi a scomparire all’orizzonte, certi che la natura della nostra terra rappresenti un valore aggiunto per i nostri racconti al tramonto.”

Tutte le info e le presentazioni degli spettacoli sul sito ww.spazioteatro.net
Prenotazioni al 339.3223262 o info@spazioteatro.net

Amare dolci cose in scena a SpazioTeatro

amare-dolci-coseSabato 19 marzo alle 21.00 (con replica domenica 20 alle 18.00) ultimo appuntamento con la rassegna teatrale organizzata alla Sala di Via S.Paolo. Ed è con il terzo debutto di fila che SpazioTeatro si congeda dagli spettatori prima che il gruppo reggino si tuffi in altri progetti e iniziative. E’ la volta di AMARE DOLCI COSE, una prova inedita e coraggiosa per tre giovani formatisi al Laboratorio dell’Attore di SpazioTeatro: Emanuele Modafferi (autore e regista della pièce) e gli interpreti Andrea Foti e Vanessa Schiavone hanno infatti mosso i primi passi “teatrali” proprio alla Sala SpazioTeatro, per poi essere impegnati in altri spettacoli del gruppo ed arricchendo il loro bagaglio con tante altre esperienze personali.

E’ la prima volta, però, che immaginano, curano e gestiscono un progetto in autonomia, sebbene sostenuti dalla struttura SpazioTeatro che ha creduto nel loro lavoro e li ha esortati a lanciarsi.
” E’ un modo per noi originale di concludere la nostra rassegna – afferma il direttore artistico Gaetano Tramontana – un segno di crescita, di fiducia e – perché no – anche un pizzico di orgoglio, in fondo il testo parla anche di teatro, della vita di noi attori, dei nostri sogni e delle tante incertezze, anche intime, di cui è fatto il nostro lavoro”.
Infatti al centro della pièce due giovani attori che, forse, sono anche una coppia nella vita: una coppia di amici, di amanti ammaccati o stanchi, con sogni insistenti e desideri da realizzare insieme, che si aiutano a vicenda nelle prove di memoria dei testi. Il loro lavoro, insieme alla loro quotidianità, li porterà a confrontarsi con pensieri e sentimenti inespressi, paure, contraddizioni e desideri, in una continua ricerca di autenticità, coraggio e autoironia.

Anche per il sesto appuntamento, in contemporanea con gli spettacoli della rassegna, torna “Linee d’Entrata – esposizioni fotografiche in parallelo”, progetto di fotografi reggini che accompagna ogni spettacolo. Venerdì 18 marzo alle 18.00 Celeste Procopio, allieva del Cerchio dell’Immagine, inaugura “Delicate”: originale lavoro sul corpo femminile tra classicità e contemporaneo.

Sala SpazioTeatro
sabato 19 marzo 2016, ore 21.00
domenica 20 marzo 2016 ore 18.00
AMARE DOLCI COSE
Scritto e diretto da Emanuele Modafferi
Con Andrea Foti e Vanessa Schiavone
Collaborazione all’allestimento: Valentina Alfarano
ingresso posto unico € 10,00, si consiglia di prenotare al 339.3223262 mail: info@spazioteatro.net

Nuovo doppio appuntamento a SpazioTeatro

due-fotografeAncora un debutto all’interno della rassegna teatrale “La casa dei racconti”: sabato 5 marzo alle 21.00 (con replica domenica pomeriggio alle 18.00) Renata Falcone porta per la prima volta in scena un testo di cui è autrice e interprete, frutto di anni di ricerca sul territorio e di attento lavoro drammaturgico.

“QUINDICIMILA” narra delle raccoglitrici di olive della provincia di Reggio Calabria: lavoratrici, mamme, mogli, “massa d’urto” che si è dimostrata decisiva, anche per gli uomini, nelle lotte sindacali degli anni ’50. Voce di queste donne è la Narratrice-Protagonista, che rappresenta la condizione di “senza nome e senza età”, tipica delle raccoglitrici.
La narrazione è guidata temporalmente da tre episodi eclatanti della storia politica di queste donne: la raccolta di.000 firme per la giusta valutazione dell’attività lavorativa delle donne; la legge sulla maternità e la proposta di legge per gli asili nido.
La scena si riempie di cartelloni e slogan, di voci e passi assordanti ma immediatamente ritorna alle case, alle famiglie, alla donna che è sì lavoratrice, ma anche madre e moglie.
Ritorna all’attività incessante e ritmica della raccolta, si fa piccola e silenziosa nei richiami porta a porta per convincere le donne a protestare.
E questa lotta riesce e funziona, perché si crea solidarietà fra le donne, che rispondono solo a sé stesse perché possono contare solo su sé stesse. E da qui nasce la volontà di cambiare.

Lo spettacolo è stato selezionato nel 2015 per il Premio Scenario.

Anche per il quinto appuntamento, in contemporanea con gli spettacoli della rassegna, torna “Linee d’Entrata – esposizioni fotografiche in parallelo”, che accompagna ogni spettacolo il progetto di fotografi. Venerdì 4 marzo alle 18.00 Anna Maria Basile inaugura “Artista io? Artista tu!”: un modo fantastico e simbolico di “fare” fotografia, a volte irriverente, a volte sofferente e meravigliato.

Sala SpazioTeatro
sabato 5 marzo 2016, ore 21.00
domenica 6 marzo 2016 ore 18.00
QUINDICIMILA
di e con Renata Falcone.
ingresso posto unico € 10,00, si consiglia di prenotare al 339.3223262 mail: info@spazioteatro.net

A SpazioTeatro Groppi d’amore nella scuraglia

spazioteatroSecondo appuntamento con La casa dei racconti, la rassegna teatrale di SpazioTeatro ospita sabato 23 alle 21.00 (con replica domenica pomeriggio alle 18.00) uno degli spettacoli più interessanti della stagione: Groppi d’amore nella scuraglia, il testo di Tiziano Scarpa che ha valso a Silvio Barbiero il Premio come Miglior Attore del Roma Fringe Festival 2014.
Il testo di Tiziano Scarpa è un racconto in versi che, attraverso una lingua inventata che richiama i dialetti del centro-sud, descrive un percorso di rinascita e, in qualche modo, di redenzione. Il linguaggio poetico di Scarpa deforma il nostro immaginario e i corpi dei protagonisti divengono archetipi grotteschi di un mondo in sfacelo; immagini che richiamano l’immaginario di Bosch raccontando la storia di Scatorchio e del suo amore per Sirocchia in un paese sommerso dai rifiuti.

Silvio Barbero è abile in un delicato equilibrio di pathos e macchiettiamo, non si risparmia e porta in scena un personaggio straordinario: Scatorchio è ruvido, cialtrone, impresentabile, poetico. È uno che parla con tutti gli esseri dell’universo e durante il racconto incontra buffi personaggi e strappa più di un sorriso.
La regia di Marco Caldiron e il lavoro della compagnia Carichi Sospesi, già ospite di SpazioTeatro per due volte nel corso di passate stagioni, mostra una freschezza d’espressione e una capacità attoriale di primo piano.
In occasione dello spettacolo Barbiero condurrà a SpazioTeatro un workshop dal 22 al 24 gennaio dal titolo “Bestiario dell’anima”.

Sempre alla Sala SpazioTeatro, in contemporanea con gli spettacoli della rassegna, secondo appuntamento anche con “Linee d’Entrata – esposizioni fotografiche in parallelo”, l’iniziativa che abbina ad ogni spettacolo il progetto fotografico di un fotografo reggino. Da venerdì 22 si apre l’esposizione di Marco Costantino dal titolo ANIME SALVE.

Sala SpazioTeatro
sabato 23 gennaio 2016, ore 21.00
domenica 24 gennaio 2016 ore 18.00
Compagnia Carichi Sospesi
Barbiero 4presenta
GROPPI D’AMORE NELLA SCURAGLIA
di Tiziano Scarpa, con Silvio Barbiero, regia di Marco Caldiron
ingresso posto unico € 10,00
si consiglia di prenotare al 339.3223262 mail: info@spazioteatro.net