Sarà lo storico Hotel Miramare ad ospitare la XII edizione del Premio Simpatia della Calabria

Il 4 settembre 2018, dalle ore 19.00, si svolgerà la XII edizione del Premio Simpatia della Calabria. L’Hotel Miramare è un importante palazzo storico, stile liberty, posto sul centralissimo Corso Vittorio Emanuele (via Marina alta), l’edificazione risale al 1925/26, lì furono rinvenuti i resti di un edificio di età Romana, tra cui un pozzo, un grosso phitos per la conservazione di derrate ed un certo numero di monete poco leggibili, di interesse storico archeologico è la scoperta di una pavimentazione musiva policroma, ricollegabile a schemi noti alla iconografia Romana.
Il Premio, com’è noto, viene assegnato ad illustri personaggi Calabresi, o di origine, che onorarano la nostra terra di Calabria nelle varie attività professionali, dell’arte e della cultura.
Ogni anno, l’organizzazione è curata nei minimi particolari, sia per quanto riguarda i premi, ricordando che sarà donato il Prestigioso orologio Perseo FS da tasca, storico pezzo da collezione risalente ai primi del 900, le creazioni orafe a cura del Maestro Michele Affidato e gli omaggi con prodotti tipici Calabresi a cura di prestigiose aziende Calabresi, note a livello internazionale.
Con la sapiente conduzione del bravissimo Marco Mauro, saranno insigniti:

– – Valter Longo, ricercatore biochimico di fama mondiale

– – Daniele Castrizio, Storico affermato ,grandissime le sue competenze a livello numismatico

– – Marinella Rodà, Artista di grande talento ,matura per rappresentare la Calabria nel mondo nella musica popolare

– – Pino Aprile, giornalista scrittore, grande e combattivo meridionalista

– – Stefano Caccavari, Imprenditore, famosissimo per la sua start-up con il Mulinum S.Floro, giovanissimo, con grande talento

– – Antica Gelateria Cesare, la storia della città. Il celeberrimo Chiosco, proprio quest’anno, compirà 100 anni.

Oltre alla Cerimonia di Premiazione, la serata sarà arricchita da altri due spettacolari momenti: la sfilata “L’Evoluzione del Gioiello dalla Magna Grecia ai giorni nostri” a cura del maestro Michele Affidato, notissimo orafo di Crotone, che da diversi anni impreziosisce anche il Festival di Sanremo con le sue creazioni ed il gran finale con la degustazione di prodotti dell’Arte Pasticcera e Gelatiera Reggina, della Calabria e della Sicilia, grazie alla presenza degli splendidi pasticceri Apar ,capitanati dal presidente Angelo Musolino, con la presenza di Conpait, della gelateria Cesare gli insigniti e gli invitati.
Naturalmente, la serata sarà arricchita dalla presenza delle Istituzioni e dei rappresentanti del Comune di Reggio Calabria , che patrocina la manifestazione.

Il Direttivo
Strati, Mauro, Russo, Cotrupi, Allegra

In viaggio con SoleInsieme, la nuova collezione estiva della Sartoria Sociale

Lunedì 2 luglio, dalleore 17.30, presso Le Botteghe delle Terre del Sole (Via del Torrione, 89), verrà presentata la nuova collezione tessile estiva interamente realizzata dalla sartoria sociale SoleInsieme. La cooperativa SoleInsieme fa parte del Consorzio Macramè ed è nata nel Giugno 2014 per dare una risposta al disagio di tante donne con figli minori e senza un compagno: ragazze madri, donne separate e divorziate, vittime di violenza. L’idea di promuovere un’impresa sociale produttiva è nata da un gruppo di madri sole e di volontari che si sono incontrate all’interno dei percorsi di ascolto, condivisione e formazione avviati dalla Rete associativa ed istituzionale Madri in difficoltà.
La cooperativa sociale aderisce al circuito pizzofreeReggioLiberaReggio e il laboratorio sartoriale ha sede in un immobile confiscato alle mafie al centro di Reggio Calabria.
Il tema scelto per questa collezione è quello del viaggio: per questo SoleInsieme ha pensato di proporre una serie di borse e sacche mare estremamente versatili anche per affrontare gite e vacanze. Zaini oversize, borse weekend, pratici secchielli e modelli unisex, con chiusure a laccio e anelli, ci accompagneranno nei nostri pomeriggi al mare o in giro in città. Le fantasie scelte sono estremamente versatili, adatte per donna ma anche per uomo, in tessuto di cotone spesso impreziosito da decori navy e ampie tasche colorate in ecopelle. Ogni pezzo è unico, di produzione interamente sartoriale.
L’evento di presentazione di giorno 2 luglio sarà allietato da un reading letterario a cura di Giulia Paola Serranò, da intermezzi musicali del violinista Tonino Nucera e riserverà esclusivi sconti e promozioni per tutti coloro che sceglieranno di sostenere SoleInsieme con l’acquisto di un prodotto della nuova collezione.

L’iconografo russo Sergej Tikhonov ospite della Botteguccia PietraKappa

Venerdì 22 Giugno ha avuto luogo, presso la Botteguccia di PietraKappa, l’incontro con l’artista russo Sergej Tikhonov. Sergej, che da dieci anni vive a Reggio con la moglie Laura, è originario di Mosca, dove ha appreso dai maestri locali l’arte preziosa dell’icona bizantina. E proprio quest’arte che lega indissolubilmente fede e tecnica è stata svelata al folto ed interessato pubblico che ha ascoltato attentamente il racconto che Sergej ha fatto, partendo dalla tavola di legno fino ad arrivare al prodotto finito.

Grazie a numerose diapositive e ad un linguaggio semplice, Sergej ha accompagnato l’uditorio in un mondo fatto di prodotti di origine naturale, lunghi tempi di lavorazione, passione e fede.Al termine della esposizione, Sergej ha poi mostrato alcuni dei suoi lavori più recenti che hanno, tra l’altro, impreziosito il recente Museo dei Santi Italo-Greci di Staiti. Infine si è dato a rispondere alle numerosissime domande del pubblico, toccando ulteriori punti di interesse del suo lavoro.
A conclusione, PietraKappa ha offerto un buffet di prodotti a base del prodotto più tipicamente reggino: succo, marmellata, miele, biscotti e liquore al bergamotto di Reggio Calabria, che hanno suggellato piacevolmente un nuovo momento di conoscenza del territorio e delle sue enormi potenzialità, come nella mission ormai consolidata di PietraKappa che, come sempre, aspetta i suoi amici al 40 di via Giudecca, accanto al tapis roulant, per una esperienza che associa gusto e cultura.

Rc 26 giugno 2018

Aspettanto l’estate

aspettando l’estate 2018

Crowdfunding Mattanza, appello di Claudio Martino: Aiutateci a diffondere orgoglio e bellezza delle nostre radici nel segno di mio padre Mimmo

Sono rimasti pochi giorni a disposizione per chi vuole sostenere “Magnolia”, il nuovo progetto musicale dei “Mattanza”. Ad esortare chi tra gli amanti dello storico gruppo calabrese e del suo compianto fondatore e leader Mimmo Martino ancora non ha dato un contributo sulla piattaforma di raccolta fondi “Musicraider” (www.musicraiser.com/it/projects/10203 ) è il figlio Claudio. E lo fa anche rivolgendosi idealmente al grande Mimmo. Un appello, quello di Claudio Martino, non tanto finalizzato all’obiettivo economico, seppur importante. Ma alle opportunità delle quali i “Mattanza” potrebbero beneficiare grazie al sito di crowdfunding, qualora il numero di donatori raggiungesse alcuni livelli anche con piccole cifre di denaro, cioè opportunità live, presentazioni, utilizzo di tutti i canali “Musicraiser”, produzione merchandising, stampa gratuita cd, proposta discografica di distribuzione ed ufficio stampa dedicato.
«Il tuo gruppo va avanti in direzione ostinata e contraria. Saresti fiero di loro. Certo, c’è chi ancora esordisce con “Eh, ma Mimmo…” o “Eh, ma quando c’era lui…”. E tu commenteresti con “Guarda che mi vestivo di nero per altri motivi”. Spero che presto accantonerà questo nostalgico confronto che spesso diviene alibi per non ascoltare. Se ci riuscirà, potrà ascoltare il regalo che i “Mattanza” stanno preparando anche per te, con l’aiuto dei fan che stanno donando, con cuore e mente aperta» dice Claudio “parlando” con il padre Mimmo e non solo.
E c’è proprio da essere fieri dei “Mattanza”, un gruppo che da oltre trent’anni lavora per valorizzare la cultura popolare attraverso un linguaggio musicale nuovo e accessibile a tutti, caratterizzato da uno stile prevalentemente acustico; dalla riscoperta di testi, filastrocche, proverbi, poesie e ninnenanne attraverso accurate ricerche, altrimenti sconfitti da un oblio e da un impoverimento culturale che ha preso la forma di un “etnocidio”; da tematiche specifiche del Mezzogiorno. Dunque, difendono cultura, storia e tradizioni popolari, perché, come sosteneva lo straordinario Mimmo, “Un popolo senza storia è come un albero senza radici: è destinato a morire”.
«Già, le radici. Appunto, l’album si chiama “Magnolia”, come l’albero che va in profondità con le sue radici possenti e vince asfalto e cemento; che va verso il cielo con il suo fusto vigoroso e solido; che con generosità regala fiori delicati, ma forti e tenaci come l’impegno dei “Mattanza”. Un albero simbolo di Reggio Calabria, la città dove il gruppo è nato e nella quale ogni giorno porta avanti, dal basso, la loro resistenza» afferma Claudio.
«Il crowdfunding va oltre l’aspetto economico, è anche un modo per avere più opportunità per far conoscere i “Mattanza” da un numero di persone sempre maggiore. E per dare il giusto riconoscimento agli artisti di spessore nazionale ed internazionale che hanno collaborato per questo progetto e che lo stanno sostenendo. Mancano pochi giorni alla conclusione della raccolta fondi, le persone amanti mio padre e il gruppo non possono non starci vicini. I “Mattanza” proseguono, anche nel segno di Mimmo. Diamo più linfa alle nostra radici, aiutateci a diffonderne orgoglio e bellezza» è l’esortazione finale di Claudio Martino.

Da PietraKappa venerdì 22 giugno incontro con l’iconografo russo Sergej Tikhonov

Care Amiche e cari Amici,
il prossimo venerdì 22 giugno, alle ore 19:00, alla Botteguccia di PietraKappa incontro con l’iconografo russo, reggino di adozione, Sergej Tikhonov che ci illustrerà la tecnica di realizzazione delle icone sacre ortodosse.
L’iconografo esegue il proprio lavoro attenendosi puntualmente alle prescrizioni della tradizione iconica, elaborata nel corso dei secoli e approvata dalla Chiesa. Nell’arte iconografica tutto è simbolico, niente è casuale. Anche la scelta dei colori stessi – rosso, azzurro, giallo, bianco e così via – non mira, come nella pittura laica, a costruire una dimensione realistica, ma a riuscire a sfiorare il trascendente.

Per scoprire un mondo affascinante che rappresenta una delle tante ricchezze del nostro territorio; la Città metropolitana di Reggio Calabria scrigno della cultura bizantina, nel cuore del Mediterraneo.

Al termine dell’incontro PietraKappa avrà il piacere di offrire una degustazione di prodotti al Bergamotto di Reggio Calabria.

Vi aspettiamo.
Roberto Arillotta

Rc 20 giugno 2018

#mare

Bocale/Lazzaro

La via dei Borghi giunge a Bova, la capitale dei Greci di Calabria

Si è conclusa a Bova la prima parte del progetto La via dei Borghi ideato dalle due associazioni Kalabria Experience ed Il giardino di Morgana. L’iniziativa patrocinata dal comune di Bova, dalla Città Metropolitana di Reggio e dal Consiglio Regionale della Calabria ha prodotto un ricco programma che ha impegnato i tanti partecipanti nella riscoperta delle bellezze della capitale dei Greci di Calabria. La mattina dopo i saluti del sindaco di Bova Santo Casile si è articolata nella parte alta del borgo alla scoperta dei tesori custoditi nella chiesa del Santo patrono, San Leo prima di far tappa sulla rupe dove un tempo insisteva il Castello.

Successivamente la giornata è stata arricchita dalle soste nella Concattedrale della Madonna dell’Isodia e dalla Cappella privata della Madonna del Carmine costruita nel XVII sec. per l’occasione gentilmente aperta al pubblico dalla famiglia Mesiani.

Dopo la pausa pranzo che ha permesso ai curiosi provenienti da ogni angolo della provincia di gustare le tipicità locali ed anche di visitare i negozi dei produttori e degli artigiani, si è dato il via alla parte pomeridiana del programma con l’attraversamento del sentiero della civiltà contadina, la visita alle chiese dello Spirito Santo e di Santa Caterina per concludere il tutto presso il museo della lingua greco-calabra “Gerhald Rohlfs”.

Anche questa volta è stato rispettato uno degli obiettivi del progetto, quello di coinvolgere le guide locali che permettono di trasmettere oltre al bagaglio delle conoscenze anche una particolare carica affettiva verso i luoghi che vengono raccontati. Importantissimo è stato l’apporto in tal senso di Patrizia Romeo e delle giovanissime volontarie del Servizio Civile Nazionale.

Iuntamu gruppo d’interazione locale, 0964.biz e Photo Three sono stati partner dell’iniziativa. Adesso spazio alla condivisione su Instagram delle foto scattate durante la giornata con l’ Hashtag IG_BOVA ed appuntamento alla prossima tappa il 23 settembre a Placanica, tra cielo e terra.


Ass. Culturale Il Giardino di Morgana
Pres. Dott. Domenico Guarna
Rc 12 giugno 2018

GAStretto: Fuga dalla città! 17 giugno visita all’azienda Stilo di San Pantaleone

Tornano le visite dai produttori a km0 della Fiera della Decrescita! Domenica 17 giugno appuntamento alle 9.30 al Laboratorio Radici per andare a S. Pantaleone, ospiti dell’azienda di Francesco Stilo, produttore di formaggio e ricotta, olio e ottime verdure a km0. Durante la giornata si potrà visitare il laboratorio dedicato alla produzione di formaggio e ricotta e tutte le parti della tenuta: dall’uliveto alla vigna, con possibilità di vedere l’antico borgo di San Pantaleone.
Il pranzo sarà a buffet con prodotti tipici del territorio ad un costo di 12 euro. L’appuntamento è per domenica 17 giugno alle 9.30 nel parcheggio vicino il Laboratorio Radici, via Contrada Gagliardi 10 (Arangea). Dopo il raduno e la ridistribuzione nelle macchine, si andrà verso il paradiso naturale di San Pantaleone per una vera e propria fuga dalla città, organizzata dalle associazioni culturali GAStretto e Magnolia e dal CsoaA.Cartella.
Come partecipare
Comunica la tua adesione indicando nome, cognome e numero di persone entro il 15 giugno
– viamail a gastrettorc@gmail.com
– sms/whatsapp ai numeri+39 333 753 4231 (Rosalba) +39 328 334 4711 (Elvira)
– facebook @gastretto
Se vuoi partecipare e non sai come venire, contattaci.
Non mancare ad una vera giornata a km0!
Cosa sono le visite in azienda
Si tratta di giornate di condivisione per divertirsi e mantenere vivi quei legami che rendono unica la Fiera della Decrescita, l’appuntamento reggino dove è possibile fare la spesa buona, naturale e a km0 direttamente dalle mani dei produttori del territorio. Vi aspettiamo ogni seconda domenica del mese al Laboratorio Radici e l’ultima domenica del mese al CSOA A. Cartella a Gallico.

Alla Botteguccia PietraKappa il professor Arillotta racconta le antiche ricchezze dell’Aspromonte

Come da programma, si è tenuta, alla Botteguccia di Pietrakappa di Roberto Arillotta, la prevista conversazione sull’Aspromonte, le sue ricchezze naturali e i suoi rapporti con il sistema economico di Reggio Calabria. Ne ha parlato Francesco Arillotta, il quale ha preso le mosse dalla capacità della città di riprendersi rapidamente dalle vessazioni e dalle distruzioni che, soprattutto da parte degli Arabi nel Medioevo e da parte dei Turchi nel ‘500, si sono ripetute con cadenze terribili. Il segreto, secondo Arillotta, stava appunto nell’Aspromonte, che, con i suoi boschi di legno pregiato, con i suoi frutti e con i suoi armenti, ha assicurato per secoli il pronto recupero economico della città martoriata.

Il relatore ha ricordato l’impiego dei tronchi dei maestosi alberi della nostra montagna per realizzare in ogni tempo le grandi navi o per costruire vasti palazzi. E le ghiande e le castanze vendute su lontani mercati, come le mandrie di migliaia di capi che pascolavano sulle radure aspromontane.
C’era, ancora, la importante produzione di ottimo carbone e la utilizzazione dei sottoprodotti della lavorazione del legno da usare per fare ceste e contenitori vari.
Infiine, le tre produzioni particolari: la pece, la neve, il ricino, che nei tempi passati costituivano importanti voci della nostra economia. Di pece si interessò persino san Leo di Bova, che ne ricavava i mezzi per sostenere i poveri di quell’area. La neve invernale, ghiacciata nelle fosse, costituiva nel ‘600, la vocce più imortante dei rapporti commerciali con Messina. L’olio ricavato dai semi della pianta di ricino (la nostra ‘cambaria’ da dove deriva il toponimo ‘le cambarie’ o ‘gambarie’) era ricrcatissimo per il trattamento della pergamena e per le pelli ‘marocchine’. Da questo panorama, Arillotta ha tratto la conclusione che veramente l’Aspromonte è stato lo scrigno delle ricchezze dei Reggini, e ha sottolineato che ancor oggi gran parte di questo patrimonio, con l’aiuto del Parco Aspromonte, potrebbe tornare a svolgere il suo fondamentale ruolo economico e sociale. (a breve il video)

Rc 9 giugno 2018