Quello che ci è piaciuto di più questa settimana o quasi

mostratireggioesposizioneNonostante tutte le difficoltà Reggio nelle sue identità singole o collettive produce a suo modo cultura. Questa settimana sono state diverse le iniziative organizzate in tal senso in città. La foto che vedete si riferisce all’ultima in ordine di tempo a palazzo della cultura….a seguire quello che siamo riusciti a raccontarvi sulle pagine di calabriapost.

In fuga a Gallicianò per il Ponte di Ognissanti

gallicianoholly7 Se non ci siete mai stati e siete riusciti a ritagliarvi almeno un giorno in questo ponte di inizio autunno fatevi una scappata a Gallicianò. Un luogo antico e magico che raccoglie ancora intatto lo spirito arcaico e meraviglioso di questa terra. Si sale da Condofuri, un’oretta di macchina lungo la fiumara. Quando arrivate troverete certamente qualcuno che vi indicherà cosa visitare, noi vi consigliamo certamente: la chiesa che vi troverete subito entrando in paese. Poi salendo per le viuizze in pietra, la vecchia fontana ma prima ancora il museo etnografico. Una vera mappa della storia dello Stretto. Infine salite fino alla chiesa ortodossa. A questo punto guardate tutta la vallata….le foto sono di Roberto Canzoneri @hollyreggio

Questa domenica al Cartella la Fiera della Decrescita

fiera30ottobreDomenica 30 ottobre, come ogni ultima domenica del mese, si rinnova il consueto appuntamento con la Fiera della Decrescita, che riprende l’orario mattutino. Dalle 10.30 si potranno così riscoprire gli antichi sapori dei prodotti naturali, sapori ormai dimenticati a causa del monopolio della grande distribuzione con i suoi prodotti “industriali”. Tra le verdure, i formaggi, l’olio, il vino, i prodotti trasformati e le confetture, si potranno trovare anche saponi, rimedi naturali, piccolo artigianato, libri usati e tanti altri prodotti che testimoniano come sia possibile vivere in questa società senza dover sottostare alle logiche del consumismo e del qualunquismo, sostenendo l’autoproduzione e i circuiti “altri”.

#AiSogniDeiMigrantiDelMare

cristoStamattina nel porto di Reggio la Bourbon Argos è tornata con 12 salme recuperate da un gommone insieme ad altri 14 migranti senza vita. Non abbiamo avuto il tempo di pensarci oltre il dare la notizia. Pomeriggio però la Chiesa degli Ottimati ci ha regalato uno scorcio silenzioso durante la presentazione di un libro. Ci è piaciuto immaginare che qualcuno avesse acceso tante candele all’Onnipotente per quante erano le vittime di questo ennesimo naufragio. E nella nostra impotenza anche noi ci uniamo all’appello di chiede: corridoi umanitari.

Torna Giovanna Scarfò e il corso di Tarantelle del Sud

corsotarantelleTorna puntuale anche quest’anno nella rinnovata sede dell’associazione Incontriamoci sempre (stazione Santa Caterina) l’appuntamento con il corso di tarantelle del sud, che vede come direttrice la bravissima Giovanna Scarfò. Oggi il primo appuntamento della nuova stagione e già è tanto l’entusiasmo in pista. Iscrizioni ufficialmente chiuse ma dicono i bene informati ancora qualche posto volendo stringersi è disponibile per gli indecisi dell’ultimo minuto.

Il 5 novembre riparte la stagione di Incontriamoci Sempre

salaferrovierreincontriamociSabato 5 Novembre alle ore 18,30, l’Associazione Incontriamoci Sempre per il Volontariato inaugurerà la sala museo “Il Ferroviere”, un’elegante salone all’interno della Stazione Ferroviaria di S.Caterina, il cui nuovo look è ispirato al film capolavoro di Piwetro Germi del 1956. Da tempo, la Stazione, sede dell’Associazione è diventato uno dei salotti più importanti della città e della Regione. Le stesse Ferrovie dello Stato vanno fiere della gestione e cura della struttura da parte dell’Associazione, nonché dell’aspetto organizzativo legato agli eventi culturali, numerosissimi durante l’intera stagione. Giorno 5 Novembre verrà, inoltre, presentato il Calendario Ufficiale degli eventi sociali, culturali e di volontariato per la prossima stagione invernale e primaverile, con la presenza di una graditissima ospite, la speaker di Radio Capital, Mary Cacciola. Assieme a lei, condurrà la serata il noto presentatore calabrese Marco Mauro. Tra le varie attività, saranno presentate in praticolare: la Rassegna Calabria d’Autore, punta di diamante della programmazione, con la direzione artistica di Antonio Calabrò, il Corso “Tarantelle del Sud: tarantella, pizzica, tammurriata” con la direzione artistica di Giovanna Scarfò, “Arte in Stazione”, una serie di mostre in cui pittori, scultori e fotografi si alterneranno, con la direzione artistica di Alessandro Allegra, autore, tra l’altro della sala museo “Il Ferroviere”. Con l’occasione, verrà presentato il viaggio in Musica domenicale realizzato in collaborazione con Dialtenica ed Elca Sound, sotto la guida artistica di Natale Centofanti. Proprio le domeniche saranno teatro, oltre che della musica e dell’arte, della degustazione dei migliori vini calabresi, a cura dell’Onav. Verranno inoltre presentate le iniziative promosse da Equosud, che ci condurranno nella rete di economia solidale e gli interessantissimi corsi dedicati alle tecniche ed alla dimostrazione pratica della “Disostruzione delle vie Aeree” a cura di Mirella Coniglio ed Enzo Ieracitano. L’appuntamento, quindi, è per Sabato 5 Novembre, alle ore 18,30, presso i locali della stazione FS di S.Caterina (RC) per la grande festa di Incontriamoci Sempre per il Volontariato, in cui tanti soci, amici, artisti ed istituzioni ci onoreranno della loro presenza.
Il Direttivo
Strati, Mauro, Coniglio, Cotrupi, Russo

#LandBoats

sunshipa volte anche chi è a terra naviga

Stazioni, storie e linguaggi a SpazioTeatro

gaetanotramontanaAl via da questo venerdì (dalle 18.30 alle 21.00) nella sala di SpazioTeatro, il nuovo progetto dal titolo: “Stazioni, storie e linguaggi del teatro”. Durante gli incontri come spiega il direttore Gaetano Tramontana, si affrontano temi e momenti cardine del teatro con particolare attenzione al teatro moderno e contemporaneo, ma mantenendo costantemente l’occhio sul formarsi della cultura teatrale attraverso i tempi. In tutto sono previsti otto incontri che si concluderanno entro Natale per un totale di 20 ore.

Il workshop in particolare è rivolto soprattutto agli studenti delle scuole superiori che vogliono approfondire la conoscenza del teatro; ai docenti impegnati in percorsi e progetti teatrali; ad allievi attori che intendano approfondire la propria formazione teorica; a tutti coloro che sono curiosi verso le forme di approfondimento culturale.

Otto Santi. Storie di monaci siciliani in Calabria

ottosantiNel salone della Chiesa Ortodossa la presentazione del libro a cura di Città del Sole Edizioni: “Otto Santi. Monaci siciliani in Calabria e altrove”. Le biografie di Santi raccolte in questo volume sono testi venerandi: alcuni hanno mille anni di vita, altri un po’ meno, ma sempre più di cinquecento. I santi di cui parlano son vissuti circa mille anni fa (secoli XXI), tranne Lorenzo di Frazzanó che è vissuto nel secolo XII al tempo della fondazione del monastero di Polsi, da lui visitato. L’autore del libro che vede le illustrazioni iconografiche a cura di Sergej Tikhonov, è Domenico Minuto, nato nel 1931 a Reggio Calabria, coniugato dal 1961 con Silvana Guarna, dal 1953 al 1977 è stato docente di italiano e latino nei licei classici, dal 1977 al 1994 preside in un liceo classico e poi in un liceo scientifico.

È membro della Deputazione di Storia Patria per la Calabria; socio dell’Istituto Siciliano di Studi Bizantini e Neoellenici “Bruno Lavagnini” di Palermo e dell’Associazione “Amici del Museo” di Reggio Calabria; membro della Comunità Bizantina “San Cipriano di Reggio” e dell’“Accademia dei Vagabondi”; socio onorario della sezione di “Italia Nostra” di Reggio Calabria. Con Città del Sole Edizioni ha pubblicato: nel 2007, “Foglie levi. Scritti su Greci, Chiesa d’Oriente, Bizantini, beni culturali e altro nella Calabria meridionale”; nel 2010, “Monaco Nilo. Vita di San Nicodemo” (trad. dal greco), in collaborazione con p. Ernesto Monteleone; sempre nel 2010 ha curato l’edizione miscellanea del Sussidiario calabrese. “Suggerimenti per studiare la Calabria”; nel 2011, “Tradizione. Opinioni sul costume calabrese”; nel 2012, “Vita di Sant’Elia il Giovane”.

SpazioTeatro presenta: Stazioni, storie e linguaggi sul palcoscenico

stazionispazioteatroPartirà venerdì 21 ottobre un nuovo workshop ideato da SpazioTeatro: Stazioni – Storie e linguaggi del teatro. 8 incontri per riflettere sui percorsi e sulla storia del teatro, sulle stazioni dei maestri, delle correnti e del pensiero teatrale che hanno condotto al teatro contemporaneo. Ogni venerdì dalle 18.30 alle 21.00 alla Sala SpazioTeatro, si affronteranno alcuni temi e momenti cardine del teatro con particolare attenzione al teatro moderno e contemporaneo, ma mantenendo costantemente l’occhio sul formarsi della cultura teatrale attraverso i tempi. “E’ da qualche anno che pensiamo a un workshop di questo genere – dice Gaetano Tramontana, direttore di SpazioTeatro, in passato collaboratore al Dipartimento di Scienze dello Spettacolo e della Comunicazione dell’Università Cattolica di Milano, che condurrà in prima persona gli incontri – è una cosa delicata, non volevamo rischiare di fare lezioni noiose su argomenti troppo specifici; ma per chi si interessa e ama il teatro credo sia fondamentale approfondire certi argomenti, specie alle nostre latitudini, spesso lontane dai circuiti maggiori e dove non si sono vissute, se non parzialmente, le avanguardie storiche e il rinnovamento linguistico teatrale degli ultimi decenni. Così abbiamo pensato ad un percorso fatto appunto di “stazioni”, di storie e non di Storia, volutamente non cronologico, che toccando 8 tematiche collegate fra di loro ci porti in giro attraverso il teatro contemporaneo. E per farlo, oltre alla parte di “lezione”, abbiamo curato particolarmente la parte video documentaria, alla quale è affidato grande rilievo, con documenti a volte anche abbastanza rari. Inizieremo quindi dal “Rito e teatro”, un binomio che spiega molte delle istanze del nuovo teatro e che conduce all’esperienza dei gruppi dell’avanguardia anni Sessanta e Settanta, per proseguire con l’approfondimento dei Gruppi – dal Living Thatre al Bread and Puppet, dall’Odin di Barba alle esperienze italiane. Sarà poi la volta della nascita del teatro di regia in Italia, della Commedia dell’Arte, fino ai protagonisti della scena italiana dagli anni 90 ad oggi.” 8 incontri che si concluderanno entro Natale per un totale di 20 ore. Il workshop è particolarmente rivolto agli studenti delle scuole superiori che vogliano approfondire la conoscenza del teatro; ai docenti impegnati in percorsi e progetti teatrali; ad allievi attori che intendano approfondire la propria formazione teorica; a tutti coloro che sono curiosi verso le forme di approfondimento culturale. Alla fine del corso sarà rilasciato un attestato di frequenza.

Tutte le info sul sito www.spazioteatro.net
email: info@spazioteatro.net
cell:339.3223262