Calabria Buskers: il Festival della Resistenza conquista la Piana

buskers-showReggio Calabria – I numeri della terza edizione del Calabria Buskers – Festival Internazionale Teatro di Strada danno la misura di come questo evento in soli tre anni sia diventato un punto di riferimento artistico e culturale, nonché un indotto di flussi di persone ed economico. E’ nota la vicenda della revoca della location da parte del Sindaco Falcomatà e della sua Amministrazione dell’Arena dello Stretto per lo svolgimento di questa edizione. Questa mancanza di attenzione verso un evento di caratura internazionale, e il successivo silenzio, hanno tolto l’opportunità ai cittadini di Reggio Calabria di usufruire di un momento artistico, un’occasione per confrontarsi, per partecipare, per arricchirsi, un evento culturale che avrebbe potuto generare un positivo cambiamento nelle persone e nella comunità. Senza pensare alla ricaduta in termini di denaro e immagine che avrebbe portato alle attività ricettive e di ristorazione presenti sul territorio, un ritorno economico non indifferente. Basti pensare alle quattrocento persone provenienti da diverse città calabresi e siciliane, segnalate al Comune tempestivamente, che avrebbero pernottato per quattro giorni in alberghi e bed & breakfast; a questa spesa va aggiunta la ristorazione degli artisti, turisti, visitatori, degli stessi residenti. Questi i numeri: 400 partecipanti per 25,00 euro di media a pernottamento a persona per un totale di euro 40.000,00. A questa cifra bisogna aggiungere una spesa minima di 20,00 euro giornaliere per la ristorazione euro 32.000,00. Altro bug è la mancata partecipazione di alcune carovane di camperisti che tramite la rivista nazionale Camperlife avrebbe potuto fare sosta a Reggio Calabria se solo la nostra città avesse avuto, come tutte le altre città italiane, una zona camper attrezzata e non un’area parcheggio qual’è l’area Tempietto. E’ inutile dire che anche questo è stato comunicato all’Amministrazione. Sarebbe bastato attivarsi per tempo come richiesto dai Pagliacci Clandestini. Queste sono alcune delle cifre di una edizione che ha dovuto lasciare la nostra città per trasferirsi nei Comuni di Bagnara Calabra, Palmi e Cinquefrondi.
Una città a vocazione turistica non può permettersi di non intercettare un’occasione del genere, ovviamente, sarebbe servito uno sguardo lungo sulla città e sulla prospettiva turistica. Intanto il Calabria Buskers riceve da parte sua un importante riscontro di pubblico e di consenso. In migliaia hanno partecipato alle tre giornate della terza edizione del festival conclusasi con lo splendido spettacolo “ La discesa dei Giullari” della Compagnia Gurdulù Teatro di Porto Torres Sardegna. Centinai i messaggi e l’email di apprezzamento da parte di chi ha assistito alla kermesse. Una edizione che gli organizzatori hanno definito della Resistenza. Un festival che a soli cinque giorni dalla sua apertura diventa itinerante e invade con tutta la sua energia e il grande livello artistico delle compagnie e degli artisti presenti location suggestive. La compagnia Pagliacci Clandestini, organizzatori del Festival con la Direzione Artistica di Santo Nicito, hanno voluto per questa edizione portare per scelta la manifestazione fuori dal suo tradizionale ambito e per sottolineare che questa è la festa di tutto il territorio. Ed ecco, che il festival si trasferisce per la prima giornata di apertura giorno 24 giugno a Bagnara Calabra, il 25 a Palmi e chiude il 26 a Cinquefrondi. I tre comuni , tra i tanti che si erano proposti, si sono ritrovati a ospitare in maniera del tutto gratuita un evento internazionale. Le compagnie e gli artisti: Fuoco & Clownerie – Compagnia Quinto e Martina Italiano – Compagnia Pagliacci Clandestini – Patunchà – Anna Saragaglia, Mago Mpare, Compagnia Ambrosia Teather, Shavran Forte, Compagnia Circo Laboratorio Nomade – Shedan Fire Teather – Compagnia Gurdulù Teatro provenienti da ogni parte del mondo, hanno regalato emozioni e sogni che difficilmente chi ha partecipato dimenticherà. Tre comunità che si sono strette attorno agli artisti. I sorrisi dei bambini, le espressioni degli adulti, l’energia che circolava tra le vie, nelle piazze hanno ripagato il tanto lavoro degli organizzatori rendendo protagonisti i Comuni di un evento mai avuto prima.
Ancora una volta i Pagliacci Clandestini, hanno dimostrato con le loro forze e professionalità che volere è potere. Forse ci sarebbe voluta una profonda umiltà per esporsi pubblicamente e dire “abbiamo sbagliato”, ma ormai tutto questo non servirebbe a nulla. Quello che è importante è che il Calabria Buskers ha vinto e con lui le persone, linfa vitale di ogni comunità.
Non resta che darsi appuntamento al 2017.

L’Ufficio Stampa

Open Day al Circolo del Bridge

bridge-tavoloOpen Day al Circolo del Bridge “Nicola Ditto” nella sededi via Vecchia Pentimele n. 10. Un momento per tutti gli appassionati e curiosi per approcciarsi al mondo del gioco del bridge in un incantevole giardino affacciato sullo Stretto. Grazie all’aiuto di istruttori federali, poi una dimostrazione dal vivo del gioco che è anche uno sport a tutti gli effetti. L’Associazione Bridge di Reggio Calabria nasce nel 1977 ed in oltre trent’anni di attività si è distinta in campo nazionale sia nel settore agonistico che in quello amatoriale. Il bridge non è un gioco di carte ma un vero e proprio sport in quanto si tratta di una disciplina sportiva affiliata al CONI, i cui campioni partecipano ai tornei internazionali, mondiali e alle Olimpiadi. L’attività didattica del circolo ogni anno promuove questa disciplina attraverso l’organizzazione di corsi di avviamento dedicato ai principianti di ogni età e una serie di corsi di approfondimento e di specializzazione tenuti da insegnanti abilitati dalla Federazione Italiana Gioco Bridge. (per chi volesse saperne di più: 096544533 oppure rc_bridge_ditto@virgilio.it). Lo sviluppo del bridge, che è il gioco più diffuso al mondo e conta oltre 1.500.000 agonisti e decine di milioni di appassionati, è dovutoprincipalmente al fatto che può essere praticato da chiunque, a qualunque età e in qualsiasi luogo; favorisce l’aggregazione e la socializzazione; costituisce elemento formativo per i giovani, abituandoli all’osservanza e al rispetto delle regole, all’analisi, alla sintesi, alla deduzione, alla logica e alla razionalità e costituisce altresì elemento sussidiario per gli anziani per i quali diviene una insostituibile palestra di esercitazione mentale.

#LaBellezzaNarrata

#‎LaBellezzaNarrata‬ – scoprila anche tu: 1 luglio 2016 ore 11 rovine chiesa di San Giovanni extra muros (retro chiesa di San Giorgio al Corso, ingresso lato Tapis roulant)

video completo sulla nostra pagina facebook o clicca sulla foto per il redirect

ottimati

Mimmo Cavallaro presenta il suo: Live in Studio

cavallaro-discoSabato 2 luglio, Mimmo Cavallaro presenterà ufficialmente “Live in Studio”, il nuovo album che dà il via al rinnovato percorso artistico del principale esponente della musica popolare calabrese. Il concerto si svolgerà in piazza Risorgimento, nei pressi della fontana dei Leoni, a Siderno (RC).
“Live in studio” è album completo e rappresentativo dell’intera carriera dell’artista cauloniese, un album che raccoglie i migliori brani di Cavallaro rielaborandoli con un sound rinnovato grazie alla nuova band che il guru della tarantella calabrese ha voluto accanto a se per il nuovo percorso appena inaugurato.
«Per me è un momento importante della mia attività di musicista, per questo motivo ho deciso di raccogliere in un unico lavoro i migliori successi del mio repertorio, rinfrescandoli con nuovi arrangiamenti». Mimmo Cavallaro
L’obiettivo di questo disco infatti è diffondere la tradizione calabrese al di là dei confini regionali, mettendo insieme la sperimentazione e i suoni del Sud.

Nato e vissuto nell’area culturale di cui è portavoce, Mimmo Cavallaroha sempre condotta la sua particolare ricerca attraverso “indagini sul campo”, analizzando e registrando la varietà dei connotati stilistici che caratterizzano i diversi luoghi della Calabria.
Nel 2009, Cavallaro realizza il suo album d’esordio “Sona battenti”, prodotto con Taranta Power sotto la guida di Eugenio Bennato. Nel 2011 pubblica “Hjuri di hjumari”, nel 2012 “Rolica” e nel 2013 “Sonu”, tre lavori di grande pregio, prodotti assieme al manager Massimo Bonelli. Nel 2014 esce “Sacro et profano”, un doppio album in cui Cavallaro reinterpreta 31 canti tradizionali dal forte contenuto poetico e dal sound raffinato, senza tradire l’ancestrale linguaggio originario.
Nel 2016 Mimmo Cavallaro innova ulteriormente il suo percorso virtuoso. Firma un contratto di esclusiva con iCompany e pubblica “Live in Studio”, disco di raccordo di tutto il suo percorso artistico che verrà pubblicato sul mercato nazionale a partire dal settembre 2016 e che viene presentato in anteprima, in Calabria, durante l’estate dello stesso anno.

Al MuStruMu i Racconti al Tramonto di SpazioTeatro

racconti-al-tramnontoDal 1 luglio una nuova iniziativa targata SpazioTeatro e rivolta alle famiglie e ai giovani spettatori dai 6 anni in su. Grazie alla collaborazione con il Museo dello Strumento Musicale che mette a disposizione i suoi spazi all’aperto, nasce RACCONTI AL TRAMONTO, una rassegna di Teatro Ragazzi che per tutto il mese di luglio ogni venerdì proporrà un evento diverso.
Tra spettacoli vecchi e nuovi, rielaborazioni e performance, aspetteremo insieme il tramonto per dare inizio al racconto, nei suggestivi spazi dell’ex Stazione Lido gestiti dal MuStruMu.

Si parte venerdì 1 luglio con “Amore love Psiche”, il mito raccontato ai giovani spettatori, scritto e interpretato da Anna Calarco.
A seguire, venerdì 8 luglio, un classico di SpazioTeatro: “La vera storia del pifferaio di Hamelin”, con Gaetano Tramontana; il 15 luglio è la volta di “Mastino e Biancaluna”, dal racconto di Guido Quarzo, con Gaetano Tramontana e Mimmo Fiore; si passerà dalle fiabe popolari calabresi il 22 luglio con “Il vento magico” per approdare il 29 al suggestivo “Parole e sassi”, la storia di Antigone raccontata ai bambini, interpretato da Renata Falcone.

“E’ una nuova avventura che affrontiamo con grande passione – dice Gaetano Tramontana, direttore artistico di SpazioTeatro – spinti dall’entusiasmo dei giovani spettatori che con i loro familiari ci seguono da anni e di tante altre famiglie che ci chiedono una forma di aggregazione diversa e originale per i loro ragazzi. E’ anche con un pizzico di orgoglio che, grazie all’ospitalità del MuStruMu, possiamo vantare al momento di essere l’unica proposta teatrale organica in città dedicata ai bambini quest’estate. Come sempre mettiamo in gioco le nostre risorse e la nostra fantasia, proponendo spettacoli adattati alla performance all’aperto. Provando a ricreare l’atmosfera magica propria del teatro, attenderemo insieme che il sole inizi a scomparire all’orizzonte, certi che la natura della nostra terra rappresenti un valore aggiunto per i nostri racconti al tramonto.”

Tutte le info e le presentazioni degli spettacoli sul sito ww.spazioteatro.net
Prenotazioni al 339.3223262 o info@spazioteatro.net

Sarah Jane Morris incanta Ecolandia

sjm-ecolandiaUn pubblico entusiasta ha salutato ieri sera il concerto di Sara Jane Morris al Parco di Ecolandia

Domenica la Fiera della Decrescita è alle 17:30

cartella-fiera-giugnoCome ogni estate l’appuntamento mensile con la Fiera della Decrescita si sposta di pomeriggio! Domenica 26 giugno dalle 17.30 il c.s.o.a. Cartella si trasformerà nel piccolo, ma ormai tanto atteso, bazar etico e sostenibile.
All’interno della Fiera, nell’ambito dei “Laboratori del fare e del sapere”, questo mese si potrà partecipare a “Mani in pasta”: prepariamo i maccheroni di casa con l’aiuto e la farina del sacco della signora Caterina!
Maccheroni che poi saranno il piatto principale della cena sociale, per la quale vi invitiamo a prenotarvi scrivendo a contatta@csoacartella.org.
E nell’angolo allestito dalle volontarie della colonia felina per sostenere la sterilizzazione, il cibo, le spese veterinarie dei piccoli ospiti, questo mese troverete la Piccola Serra della Micille. (fonte csoa A. Cartella)

#UkOut

just why brexit?

passport

#ReggioPortoDiAccoglienza

sbarco-notturnoper tutta la notte i volontari reggini hanno lavorato per accogliere quasi 400 migranti soccorsi alla deriva nella acque di capo spartivento

I “Canti delle distanze” di Nicolò Mazza

nicolo-mazzaNel salone della Chiesa degli Ottimati di via Cimino 4 “un evento non-evento per condividere, con semplicità e fra amici, un po’ di poesia e un po’ di musica. Protagonista dell’appuntamento la presentazione dei Canti delle distanze di Nicolò Mazza. Il frutto di un lavoro di scrittura poetica che ha portato alla pubblicazione del testo due anni fa. Un desiderio di emulazione che è poi diventata esigenza dello spirito e del cuore. Uno sforzo di silenzio e solitudine che si traduce in poesia e preghiera. Ieri la presentazione in riva allo Stretto a pochi giorni da una nuova avventura. (in collaborazione con calabriapost.net)