kobanecartella

Sabato al Cartella #savekobane

Dal 7 novembre torna la rassegna “Calabria d’autore”

PRETE E PROFAZIODopo l’esaltante evento del Premio Simpatia svoltosi lo scorso 16 settembre nello storico Palazzo della Provincia di Reggio Calabria, manifestazione di caratura nazionale, inserita per quest’anno nel calendario delle feste mariane in città. Per l’occasione sono stati insigniti illustri personaggi Calabresi che danno lustro alla nostra splendida Calabria nelle varie attività sociali, culturali, artistiche e delle professioni. In una sala gremita per l’occasione, la  cerimonia di premiazione brillantemente condotta da Marco Mauro e Veronica Spinella, ha avuto momenti significativi negli interventi degli insigniti e nella grande partecipazione emotiva delle numerosissime persone presenti in sala. Di grande classe poi, il ricco buffet nella sala delle esposizioni, in cui si sono degustati i prodotti tipici della gastronomia calabrese, con i vini delle più importanti aziende vinicole calabresi, per poi degustare gli oltre 100 kg  di torte, offerte dalle premiate pasticcerie Reggine. Continua a leggere

Paesaggi d’istanti 2014: vince Giuseppe Filice

Antica chiesetta_Giuseppe FIliceSi è conclusa con la vittoria a migliore autore di Giuseppe Filice la terza edizione di Paesaggi D’Istanti, il concorso fotografico dei Borghi Solidali. “L’antica chiesetta” è lo scatto migliore della competizione che ha inoltre incoronato come vincitori, per la sezione Paesaggio Grecanico, Luciano Arcudi con “Verso la montagna”, premiato per la categoria luoghi e borghi, Antonio Toscano, con il suo “Paradiso Perduto” per la categoria paesaggi sfigurati ed infine Massimo Collini che con il suo racconto “A Tunduta (la tosatura)” vince la sezione Portfolio. Anche quest’anno la giuria ha premiato le emozioni regalate dalle immagini dei fotoamatori calabresi che con occhio attento e sensibile hanno voluto raccontare i borghi dell’Area Grecanica e più in generale, il paesaggio naturale e sfigurato dei nostri territori.

Promosso dall’Associazione Pro-Pentedattilo onlus, in collaborazione con il Parco Ecolandia, il Cine Foto Club Vanni Andreoni di Reggio Calabria, con la rivista trimestrale Calabria Sconosciuta e con il patrocinio di Italia Nostra sez. Reggio Calabria, il concorso che ha per soggetto il patrimonio demoetnoantropologico italiano, è nato con lo scopo di redigere un repertorio iconografico documentario dell’area grecanica di Reggio Calabria. Dedicata quest’anno ad Osvaldo Pieroni, la competizione ha avuto nelle sue tre edizioni larga partecipazione di pubblico, con oltre un migliaio di immagini giudicate e un ospite illustre, Ernesto Bazan, che lo scorso anno ha premiato personalmente i vincitori. Continua a leggere

“Clitennestra o del crimine”, apre la Stagione teatrale di Polistena

clitennestra“Clitennestra o del crimine”, spettacolo prodotto da Dracma, per la regia e interpretazione di Paolo Cutuli, sabato 1 novembre alle ore 21,30, apre la Stagione teatrale 2014-2015 della Residenza etica teatrale della Piana.

La Compagnia diretta da Andrea Naso, che gestisce il progetto di Residenza, inaugura, dunque, con un proprio spettacolo il ricco cartellone di Prosa che animerà l’Auditorium comunale di Polistena fino alla prossima primavera.

Clitennestra o del criminePremio Parodos 2014 del Tindari Teatro Festival “Miglior Spettacolo” e “Miglior Interprete” – esordio alla regia di Paolo Cutuli, già attore per importanti produzioni a livello nazionale, porta in scena, attraverso la prosa lirica di Marguerite Yourcenar, la tragica storia della regina di Argo e Micene che, dopo aver atteso per dieci anni il ritorno del marito Agamennone dalla guerra di Troia, lo uccide insieme all’amante Egisto.

L’amore-abnegazione della donna verso l’uomo: Clitennestra ama il suo marito-padrone ed in nome della fedeltà si fa quasi invisibile. Quando lui torna dalla guerra, entrambi non sono che le ombre di se stessi. Clitennestra uccide il vecchio padrone perché l’uomo possa tornare a vivere. Il crimine di Clitennestra è, dunque, un atto per la vita. Continua a leggere

A Melito “Il filo del ricordo dalla prima alla seconda guerra mondiale”

locandina con programaMercoledi 29 ottobre alle ore 10.30, presso i locali dell’ex Mercato Coperto di Melito Porto Salvo, verrà inaugurata la mostra “Il filo del ricordo dalla prima alla seconda guerra mondiale”.

Organizzato dalla Sovrintendenza Archivistica della Calabria in collaborazione con il Circolo Culturale Meli, con il supporto dell’ ”Università per stranieri Dante Alighieri” e il patrocinio del Comune di Melito Porto Salvo, l’evento si sviluppa attraverso un percorso fotografico e documentale recuperato dal Nucleo Tutela Patrimonio Culturale dei Carabinieri di Cosenza e si riferisce al concatenarsi degli eventi bellici tra il 1914 e il 1945, periodo che include le due Guerre Mondiali nonchè la campagna di Etiopia (1935-1936) e di Albania (1939), la guerra d’Africa e di Grecia (1940). Tra il materiale esposto vi è, inoltre, un particolare approfondimento dedicato al campo di internamento Ferramonti di Tarsia liberato il 14 settembre 1943. Un vero e proprio itinerario lungo all’incirca trent’anni (dal 1914 allo sbarco degli Alleati in Calabria nel 1943, con seguiti fino al 1946) testimoniato dalla toccante e commovente corrispondenza dei prigionieri di guerra (lettere e cartoline dal fronte, fotografie, volantini e altro materiale iconografico) nonché da preziosi documenti che ricostruiscono la vita militare e civile dell’epoca. Infine, vi sarà una sezione curata da Gianfranco Calabrò, socio del Circolo Meli, interamente dedicata alle vicende storiche del periodo in questione della cittadina di Melito Porto Salvo e dei suoi caduti. La mostra, che concorre alla celebrazione del centenario dello scoppio della Grande guerra, è stata inserita nelle “Giornate europee del patrimonio 2014”. Continua a leggere

La città dentro la montagna. Eco-laboratori della creatività

eco 5Dopo la suggestiva mostra fotografica sui centri e sulle bellezze dell’Aspromonte allestita nelle scorse settimane al Palazzo della Provincia di Reggio Calabria, il progetto “La città dentro la montagna” ideato dall’associazione Culturale Arte e Spettacolo “Calabria dietro le quinte”, ha visto la realizzazione di un’altra importante iniziativa, domenica 19 ottobre presso piazza Municipio a Colelli di San Roberto, gli eco-laboratori della creatività: un percorso ambientale ed ecologico rivolto ai bambini dai 5 ai 12 anni.

L’attività è stata messa in campo grazie al contributo dell’Ente Parco Nazionale dell’Aspromonte e alla fattiva collaborazione dell’associazione Colelli in Progress e al patrocinio del Comune di San Roberto e della Provincia di Reggio Calabria. Continua a leggere

A Bova protagoniste le minoranze linguistiche calabresi

bova-web3+Continuano le iniziative culturali per la salvaguardia e tutela della lingua Greco-Calabra. Le Culture della nostra terra rappresentano una risorsa ed un valore universale. La Calabria è una regione ricca di cultura, di storia e di tradizioni ed in tale ambito le minoranze linguistiche costituiscono un vero patrimonio. Per questo venerdì 17 ottobre, alle ore 10:30, presso il Salone Conferenze del Museo di paleontologia e scienze naturali del Parco Nazionale dell’Aspromonte di Bova si terrà il Workshop POAT II “Greci di Calabria” sulle Minoranze Linguistiche Calabresi: un patrimonio dal valore universale. Il comune di Bova, infatti, è un paese della comunità grecanica del versante jonico calabrese, arroccato in posizione strategica sulle pendici dell’Aspromonte e secondo le notizie storiche divenne colonia della Magna Grecia nel secolo VIII-VI. Obiettivo del workshop, fortemente voluto dal Sindaco Santo Casile, è analizzare l’iter di progetto e i risultati ottenuti durante il POAT I riguardo al progetto “Le minoranze linguistiche calabresi, un patrimonio dal valore universale” proposto dal Dipartimento cultura della  Regione Calabria, congiuntamente con il Ministero dei beni culturali e la società “PRESENT”, allo scopo di predisporre la documentazione con la quale si vuole candidare la minoranza linguistica grecanica, la più antica di tutte le minoranze, al patrimonio mondiale dell’UNESCO. L’iniziativa è stata finanziata congiuntamente dalla Regione Calabria e dal Ministero dei beni culturali. Il progetto è finalizzato alla valorizzazione nazionale ed internazionale del patrimonio culturale delle minoranze arbëreshë, grecaniche e occitana presenti sul territorio calabrese, attraverso l’avvio ed il perfezionamento delle pratiche di candidatura che coinvolgeranno le tre comunità completando un processo di valorizzazione concreto ed in via di ulteriore rafforzamento. Si illustreranno, altresì, le prospettive e le scelte della Regione Calabria e delle Comunità sul proseguo del cammino di Candidatura UNESCO delle Minoranze Linguistiche Storiche di Calabria. Parteciperanno al workshop i Sindaci dell’area grecanica, il Presidente dell’Ente Parco Nazionale dell’Aspromonte, il Presidente della fondazione “Greci di Calabria” ex IRSEEC, il Presidente del circolo culturale “APODIAFAZZI”, le associazioni culturali del territorio, esperti di lingua calabro-greca e scrittori.