“Pensare a COMpensare”

pensareborghiRiceviamo e pubblichiamo: Domenica 13 gennaio 2013 ore 10.30, Pentedattilo, Ostello della Gioventù: Com’è che si può intervenire se non con un brusco cambiamento dei nostri attuali stili di vita verso comportamenti quotidiani più virtuosi e l’utilizzo accorto delle risorse? Borghi Solidali ha deciso di intervenire su due fronti. La creazione di boschetti urbani per la compensazione dell’anidride carbonica prodotta dalle stesse attività di realizzazione del progetto “I Luoghi dell’Accoglienza Solidale nei Borghi dell’Area Grecanica” ed attraverso la promozione di azioni e servizi di mobilità sostenibile, collettiva e nelle forme di carpooling. A questo scopo, il 13 gennaio 2013 Borghi Solidali promuove l’iniziativa “Pensare a COMpensare” ovvero quali misure e nuovi stili di vita per ridurre l’inquinamento e la nostra impronta ecologica.

Svolgimento

Ore 10,30 Presentazione

Ore 11,00 Interventi

Ore 13,00 Pranzo a cura della Cooperativa Sta Choriama

Ore 15,00 Piantumazione alberi

Ore 16,30 Continuazione Interventi e dibattito

Introduce e modera

Ing. Piero Polimeni

Libri, riviste e autori coinvolti

– Luca Mercalli “Prepariamoci”

– Tonino Perna “Eventi estremi”

– Alberto Ziparo “Il ponte insostenibile”

– Rivista: Quaderni Corsari sul tema dell’ecologia

Logistica

La quota di partecipazione alla giornata è pari a 15 euro a persona. Nella cifra è incluso il costo del pranzo e l’acquisto di un albero nominale da piantare insieme agli operatori dell’Agenzia dei Borghi Solidali. Sarà attivo un servizio navetta dalla Stazione di Melito a Pentedattilo e viceversa, al costo aggiuntivo di 1,50 a corsa. Ogni associazione aderente all’iniziativa, può “adottare” un albero associativo al costo aggiuntivo di 20 euro per associazione, su quest’ultimo verrà affissa una targa con il nome dell’Associazione affidataria. L’adozione dell’albero, da parte delle associazioni, dovrà essere comunicata entro e non oltre le ore 13.00 di giovedì 10 gennaio 2013 al seguente indirizzo di posta elettronica: eltrunfio@gmail.com

per info

Elena Trunfio
info@borghisolidali.it – eltrunfio@gmail.com
www.borghisolidali.it

Una lezione di quelle del nostro prof preferito…

castrizioTra le curiosità trovate in rete vi segnaliamo oggi questo video del prof. Daniele Castrizio: “Il Gangnam style è, a mio parere, la cartina al tornasole dell’inutilità totale di una Reggio ormai riggitanizzata, specchio fedele di un mondo riggitanizzato!”

[youtube http://www.youtube.com/watch?v=IbWi5aZMHd8&w=640&h=480]

Cultura africana protagonista a Rosarno

serata_africanaVenerdì 28 dicembre dalle ore 18.00 al Palazzetto dello sport di Rosarno si terrà una serata all’insegna della cultura africana, con cucina etnica, poesia e musica. Organizzata nell’ambito del Natale rosarnese, l’iniziativa è curata dagli attivisti di AfriCalabria – Donne e uomini senza frontiere, per la fraternità.
In un periodo in cui si è ritornati a parlare degli africani presenti nella piana di Gioia Tauro per la stagione delle arance in termini di emergenza e di problema, alimentando lo spauracchio di nuove rivolte, questa Serata si pone l’obiettivo di far incontrare il più possibile e favorire scambi tra la cultura africana e quella calabrese: un’occasione per rispondere alla politica della paura con una pratica dell’incontro che arricchisca tutti e consenta a ognuno una visione più umana e positiva di tutti i problemi.
AfriCalabria – Donne e uomini senza frontiere, per la fraternità

“Rimi pirduti” di Giuseppe Toscano

borghilibroLe ultime dai Borghi Solidali: “U vintininovi i stu misi vi spettamu tutti quanti presentamu nu libru i nu signori eleganti. Iddu è’ un melitotu e u canusciti bbonu per cui fidativi i mia veniti a sentiri u poesiari i Orchisimia”. Vi aspettiamo sabato 29 dicembre alle ore 17.00 c/o la sala convegni del Bar Serranò di Melito Porto – Presentazione del libro di Giuseppe Toscano “Rimi pirduti”

Natale in copertina: 400 edizioni di giornali illustrati dal 1838 agli anni ’60

natalecopertinaLe atmosfere magiche delle feste di epoche lontane ritornano ai giorni nostri, con fascino immutato, nella mostra “Natale in copertina. 150 anni di feste illustrate”, ospitata nella sala espositiva del Palazzo storico della Provincia di Reggio Calabria, fino al 6 gennaio. Un suggestivo viaggio a ritroso nel tempo attraverso le copertine di circa 400 edizioni di Natale e fine anno, dei maggiori giornali illustrati italiani ed esteri, dal 1838 fino agli anni ’60 del Novecento, per scoprire riti, simboli e tradizioni della festività più amata dell’anno. Un racconto per immagini affidato alle abili matite dei maggiori illustratori e disegnatori del tempo e alla fotografia che, dalla prima pagina o dalla quarta di copertina dei giornali, hanno raccontato i piccoli avvenimenti della storia, l’evoluzione della società, i cambiamenti e le abitudini della moda, il fluire delle correnti artistiche. La raccolta, tratta dalla collezione privata della giornalista reggina Lucia Federico, consente al visitatore di ripercorrere la storia del Natale da una prospettiva insolita. “Per lungo tempo – dice la collezionista – sono stati esclusivamente i giornali a consentire la diffusione delle notizie ed informare intere generazioni. Questa mostra vuole essere anche un’occasione, soprattutto per i più giovani, per apprezzarne la loro importanza e riscoprire il valore e il senso della comunicazione scritta”. La mostra, che propone giornali italiani ed esteri, si sviluppa in ordine temporale e per testata. Dall’edizione del 17 dicembre del 1859 de L’album di Roma, per proseguire con Il Bene di fine ‘800, Il Guerin Meschino, La Tribuna Illustrata, fondata nel 1890 come supplemento del quotidiano La Tribuna, Il Secolo XX, Cordelia, La Lettura, rivista mensile del Corriere della Sera, pubblicata dal 1901 al 1952, Pro Familia, i giornali satirici, come Il Mulo, L’Illustrazione Italiana, rivista settimanale pubblicata dal 1873 al  1961, fino ad arrivare ad una galleria di copertine della famosa La Domenica del Corriere. E’ l’8 gennaio del 1899  quando fa la sua prima uscita nelle edicole italiane la Domenica del Corriere. Dodici pagine, al costo di dieci centesimi, in omaggio invece per gli abbonati del Corriere della Sera. La copertina era stata realizzata da un giovane disegnatore, agli inizi della carriera, Achille Beltrame. La prima di una lunga serie che racconteranno le vicende più importanti della vita del nostro Paese. Per novant’anni La Domenica del Corriere fu punto di riferimento per l’informazione degli italiani, mentre altre testate lo furono in campo culturale. Scriveva Antonio Scarfoglio, figlio di Edoardo fondatore de Il Mattino, quando nel 1924 lanciò l’idea di un rotocalco, Il Mattino illustrato: ”Sarà un grande mezzo di diffusione della cultura attraverso l’immagine”. Le copertine dedicate al Natale sono cariche di nostalgia e speranza in tempo di guerra, divertenti e ricche di  curiosità e aspettative per il futuro di fronte ai nuovi giochi per bambini, alle prese con missili e tute spaziali, nelle edizioni degli anni ’50, quasi attuali nelle illuminazioni sfavillanti di Piazza Duomo a Milano, negli anni ’60. E forse anche i temi trattati non sembrano tanto distanti da quelli di oggi nel leggere i titoli: “Sogno di Capodanno. Al 1957 che nasce gli uomini chiedono la pace”, “Mille miliardi per le feste di Natale” (1962), “Il nuovo Governo” (1963). Illustratori come Achille Beltrame, Walter Molino, Fortunino e Ugo Matania, insieme alla penna di scrittori famosi, firme prestigiose di Scena Illustrata, fondata nel 1865,  come Carducci, De Amicis, Verga, D’Annunzio, del Mattino Illustrato o de L’Illustrazione Italiana, hanno a volte anticipato il futuro, pur raccontando con la loro opera il modo di vivere e sentire della società in cui hanno vissuto. E poi c’è la poesia e a volte l’ingenuità delicata delle copertine dei periodici illustrati dedicati ai ragazzi: Il Corriere dei Piccoli, che appare per la prima volta il 27 dicembre del 1908; Il Giornalino della Domenica, di Vamba, che esce nel 1906, con le illustrazioni di Dudovich, Rubino, Scarpelli, Finozzi, Sergio Tofano e le firme di Capuana, Deledda, Negri, Salgari; Il Vittorioso, con le tavole di Jacovitti; angeli e paesaggi innevati, presepi e bambini intenti a decorare l’albero, disegni dai colori sfumati e dal tratto lieve, caratterizzano le copertine degli anni ’30 e ’40 della Famiglia Cristiana, per molti anni il periodico più diffuso in Italia. Negli anni del dopoguerra e poi del boom economico il periodico, in particolare il settimanale illustrato, diventa protagonista della cultura di massa: l’illustrazione aiuta un pubblico ancora non in piena confidenza con la lettura, il costo complessivo è minore, i temi trattati appaiono più vicini alla vita affettiva dei lettori di quanto lo siano quelli di una stampa quotidiana soprattutto politica. Un mondo forse sconosciuto ai più è invece quello raccontato dai giornali inglesi, americani, francesi. Si va ancora più indietro nel tempo, con l’edizione del Natale del 1838 dell’inglese The Penny Magazine, pubblicato ogni sabato dal 31 marzo 1832 fino al 31 ottobre 1845, e la prima edizione natalizia del 1842, dell’Illustrated London news, apparso per la prima volta il 14 maggio del 1842. E poi  Harper’s Weekly, The Youth’s Companion, corredato anche dai calendari in cromolitografia di fine ‘800, che il giornale dava in omaggio agli abbonati, Ladie’s Home Journal, Woman’s Home Companion, The Saturday Evening Post, con le splendide copertine disegnate dal famoso Norman Rockwell, Le Petit Journal, Le Monde Illustrè, L’Illustration. Due secoli di immagini che raccontano una realtà sempre diversa, ma che esprimono sentimenti e sensazioni senza tempo. Quelli che solo il Natale, ieri come oggi, riesce a regalare. A fare da scenografia alla mostra, gli abiti d’epoca realizzati dall’atelier “Polvere di Fata” di Melito Porto Salvo, mobili di antiquariato concessi dal negozio “Il Tempo ritrovato”, e oggetti, biglietti augurali, calendari, ventagli. Ad accogliere gli ospiti, in occasione dell’inaugurazione, il quartetto di sax del Liceo Musicale di Cinquefrondi, composto da Ady Jordache, Alessandro Fida, Antonio Gentile e Marco Fiorillo, con un repertorio di musiche natalizie. 

Tutti alla tombolata di S. Antonio

incontriamoci sempreA chi come da tradizione resta in città e in famiglia per queste feste segnaliamo questo appuntamento organizzato dall’associazione Incontriamoci Sempre per il prossimo 26 dicembre alle 19:00 all’auditorium Don Orione (S. Antonio). Guardate il video  per saperne di più

[youtube http://www.youtube.com/watch?v=-jz4fEOCO0s&w=640&h=480]

Tra le stelle e i Maya

planetarioMolto ricco anche quest’anno il programma che il Planetario provinciale Pythagoras offre alla cittadinanza in occasione delle feste natalizie. Dalla Befana Astronomica al Solstizio d’inverno (21 dicembre) quando “quest’anno: il 21.12.2012 della nostra era, misurata dal calendario gregoriano, si interrompe il calendario dei Maya che profetizzano in questa data la fine del mondo”. Per l’occasione non poteva certo mancare una serata dibattito su questa profezia…L’evento sarà trasmesso in diretta streaming dalle 20:30 alle 23:30 sul canale Italia Inchieste Tv (http://italiainchieste.it/italia-inchieste-tv/)

questo il programma completo del Planetario

natale 2012 al planetario

Natale in copertina. 150 anni di feste illustrate

Winnie-the-Pooh-nataleVi segnaliamo per questo giovedì 20 dicembre, alle ore 12, nella sala espositiva del Palazzo storico della Provincia di Reggio Calabria, l’inaugurazione della mostra “Natale in copertina. 150 anni di feste illustrate”.
In esposizione, oltre 300 edizioni di Natale e fine anno di giornali illustrati italiani ed esteri, a partire dal 1838 fino agli anni ’60 del Novecento.
La raccolta fa parte della collezione privata della giornalista reggina Lucia Federico, che ne ha curato l’allestimento in collaborazione con l’associazione culturale Rhegium Urbs Antiqua.
“Un percorso a ritroso nel tempo, che accompagna il visitatore, attraverso le copertine dei più importanti periodici illustrati degli ultimi due secoli, alla scoperta degli usi, delle tradizioni e dei simboli della festività più amata dell’anno, raccontati dalle abili matite di famosi disegnatori e illustratori e dalle fotografie sulla prima pagina e sulla quarta di copertina.
A fare da cornice all’inusuale mostra, oggetti, abiti, calendari e biglietti augurali d’epoca, ed un sottofondo in musica, offerto dal Quartetto del Liceo Musicale di Cinquefrondi”.

“Storie di Migranti” al Random

migrantiIl 18 dicembre in tutto il mondo si festeggia la Giornata mondiale del migrante istituita dall’Onu che, richiama la salvaguardia dei diritti degli immigrati. Anche a Reggio Calabria, Arci, ArciMigranti, Associazione Artemide e Next, con la collaborazione del Random Musiclub organizzano una serata di riflessione e dibattito per raccontare “Storie Migranti”. ORE: 18.30 PROIEZIONI REPORTAGE “VIVERE BENE NON SI DICE” DI EMILIANO BARBUCCI E DOMINELLA TRUNFIO A seguire: Testimonianze di immigrati che vivono in Calabria e dibattito A seguire: Cena marocchina COSTO DELLA CENA (ESCLUSE BEVANDE) 4 EURO

PER INFO: dominellatrunfio@gmail.com

Protagonisti della nostra terra

bn11“Dagli agrumeti di Villa San Giuseppe, ai boschi dell’Aspromonte, fino alla periferia nord di Reggio Calabria: questo è un viaggio in una terra benedetta per il clima e le bellezze naturali e al tempo stesso martoriata da scempi e speculazione.”  La storia di Equo Sud e Aspromonte Liberamente…..vi segnaliamo questo video assolutamente da non perdere:

[youtube http://www.youtube.com/watch?v=efx4Aji223E&w=640&h=480]